Denaro Rap

Testo di Samuele Corsi – Musica di Mauro Becattini

Cantato da Michele Celli, Renza Talanti e Emanuele Starita

 

Sacerdote 1

Sacerdote 2

Giuda

 

Abbiamo sentito troppe parole, dette da un solo uomo. Va fermato.

Chiudere la labbra sue, lasciando a tutti solo un ricordo di ciò che è stato.

 

Ma come fare, se neppure sappiamo chi sia davvero.

Là, appena il giorno nasce, ci porteranno da lui.  Ci porterà chi lo ama al punto di odiarlo.

 

Io, vi porterò da lui. Io, vi porterò da lui.

 

Neppure il tuo nome, sappiamo. Come ti sei permesso d’udire ciò che è stato detto.

 

Io lo amo e perciò lo odio. Vi porterò da lui, e voi, lo dovrete uccidere.

 

Quanto amore, quanta rabbia in esso. Uccidere. Beh, possiamo provarci, lo faremo sparire.

Ma dicci adesso come pensi di darlo alle nostre mani.

 

Non darò niente per niente. La vita di un uomo costa, la vita di quell’uomo è molto cara.

Dovete darmi case, donne e denaro. Vendo la mia anima ed il mio amore,

vi concedo l’odio che ho per esso.

 

Troppe richieste, ai nostri orecchi.

Uno due tre quattro…

Brucia la tua vita.

Cinque sei sette otto nove…

Vendi la tua anima.

Dieci undici dodici..

Comprati il sesso.

Tredici quattordici…

Le tue sporche mani.

Quindici sedici…

Tienile chiuse.

Diciassette diciotto…

L’odore tuo disgusta.

Diciannove venti…

Ecco il tuo denaro.

Ventuno ventidue …

Prendi il tuo denaro.

Ventitre ventiquattro…

Ama il tuo denaro.

Venticinque ventisei …

Prendi il tuo denaro.

 Ventisette ventotto…

Ama il tuo denaro.

 Ventinove ….. trenta!