Frenesia

Di Alessandra Montalti e Mauro Becattini

 

Signo’, quant’ vote me piglia a smania int’o core: ‘ na frenesia ca me fa ‘mpazzi’…

nu desiderio d’abbraccià … nun saccio manch’io chi!

Gesù, Gesù, ma pecché nun me dai ‘na mano a luarme sta smania a cuoll’?

Rimmell’ Gesù mio, rimmell’ tu, ma c’aggi’a fa?

 

A nu certo punto aggiu sentito na voce:

na voce debole quasi nu suspire. Ma chi è? Ma chi è? Ma chi è?

Me voto a rer’ e nun veg’ a nisciune Me voto annanz’ rimpet’a ro sta l’altare…

E veg’ o Signore, ch’ i braccia arapute, ‘n goppa a croce,

E’ isse, è propese isse,  che me sta a parlà!  E con a voce doce doce,  me dice accussi:

 

Vattenn’ a casa, abbraccia o figlio tuoie! Vattenn’ a casa, abbraccia o sposo tuoie!

Vattenn’ a casa,  abbraccia o figlio tuoie…

e si nun t’abbasta abbraccia tutta ‘a comunità!

 

 

Va! Fa accussì come t’aggiu ritte e vide c’a te passa a smania a frenesia e pure a malinconia!

Accussì, accussì, aggiu fatto.

A smania e a frenesia so’ scomparute!

Signò, Signò, Signò,

te ringrazio:  però, sa che te dico, nu poc’ e frenesia rammella ‘n ata vota.

Nun m’a levà tutta quanta: a frenesia me serve pe’ pensà a’ ggente…