Il piccolo batterista

Testo e musica di Mauro Becattini      

Era ancora in carrozzina,
paffutello e rotondetto:
gia' tendeva la manina,
acchiappava il suo ciucciotto…

ed a tempo lo batteva
nel piattino con l'arancia:
il piedino poi muoveva,
sempre a ritmo sulla pancia!

Non vi dico i genitori
quando un giorno l'han trovato
che faceva dei rumori…
con i panni del bucato!

Si son detti “mamma mia,
qusto quando sara' un uomo…
suonera' la batteria
anche se si trova in duomo!”

Batte il ritmo ch'è un portento,
è felice ed è contento
di rullare sulla pista…
il bambino batterista!

Se si trova là in cucina,
coi coperchi e coi tegami
presto lui fa un'orchestrina
con i piedi e con le mani.

E se piove per la via,
con le gocce e con l'ombrello
lui sa far la batteria,
con un ritmo proprio bello!

Ed ognuno, per davvero,
fermo fermo non puo' stare:

al suo ritmo brasilero,
viene solo da ballare…

E persino quando, a letto,
dorme e abbraccia il suo cuscino…
questo tenero angioletto
sbuffa a tempo un valzerino!

Batte il ritmo ch'è un portento...