Sull’asteroide X

Testo e musica di Mauro Becattini

 

 

C'era un bambino un bambino di Marte,
di Marte, di Marte.
C'era un bambino un bambino di Marte...
che giocava solamente con le carte!


C'era una bimba, una bimba della Luna,
della Luna, della Luna,
C'era una bimba, una bimba della Luna...
che giocava con la sabbia della duna!


C'era un bambino, un bambino della Terra,
della Terra, della Terra.
C'era un bambino, un bambino della Terra...
che voleva solamente far la guerra!


C'era un bambino, un bambino di Saturno,
di Saturno, di Saturno.
C'era un bambino, un bambino di Saturno...
Che giocava solamente
quando a lui toccava il turno:

Ma un giorno si diedero l'appuntamento
sull'asteroide X!
L'astronave volava più veloce del vento
verso l'asteroide X!

 "Ciao, ragazzi!" disse quello di Marte,
di Marte, di Marte.
"Dai facciamoci una bella partita...
di scopone e settemmezzo con le carte!"


"Io, invece", disse quella della Luna,
della Luna, della Luna.
"Vorrei fare un bel castello con la sabbia:
con la sabbia, con la sabbia della duna!".


"Ma perchè?", disse il bambino della Terra,
della Terra, della Terra.
"Ma perchè non combattiamo con le armi...
e facciamo tutti insieme una guerra!?"


"State buoni!" disse quello di Saturno,
di Saturno, di Saturno.
"Non capisco perchè non si possan fare
tutti i giochi, uno per volta, 
rispettando il proprio turno!"

E allora decisero di fare la pace
sull'asteroide X!
E cantarono insieme, manno nella mano,
sull'asteroide X!