Il Valzer della noia

Testo e Musica  di Mauro Becattini

Questo é il valzer della noia mi fa triste e mi toglie la gioia

mi si insinua nella mente quasi come se fosse un  serpente

 

Proverò con il computer anzi no con la TV

Meglio ancora con il tablet bello nuovo di papà

O con quello della mamma che non l’usa quasi mai

Ma non trovo proprio niente che mi vada a genio ormai

 

E m'annoio m'annoio m'annoio la la

si m'annoio m'annoio m'annoio la la

e m'annoio ancora m'annoio

da sera a mattina non so cosa far

 

uffa che noia … uffa che barba

uffa che scatole … io non so che far

 

c’è chi dice che la noia è una cosa dei giorni moderni

che non c’era ai tempi antichi quando non c’era altro che niente

 

proverò con la merenda ho la pancia vuota sai

forse a suon di patatine a riempirla riuscirò

so che tante merendine dentro al frigo troverò

Ma non trovo proprio niente che mi vada a genio ormai

 

e m'annoio m'annoio m'annoio la la …

 

Poi d’un tratto sul più bello ecco che suona il campanello

La mia amica preferita  è venuta a trovarmi qui a casa

 

Io la guardo le sorrido son felice che ci sia

E in un attimo veloce la mia noia fugge via

Io con lei gioco felice anche se litigo un po’

Le mie ore passan liete e non mi ricordo che

 

M’annoiavo noiavo noiavo la la

M’annoiavo noiavo noiavo la la

M’annoiavo perché ero da sola

E non c’era niente di bello da far